Casellario Centrale Infortuni

La sicurezza dei lavoratori è competitivitè per le imprese


Cerca

Ottobre

Infortunio in itinere: diverse valutazioni della Cassazione sulla risarcibilità del danno

giovedì, 21 ottobre 2010

La Corte di Cassazione, con due recenti sentenze, esprime principi contrastanti in materia di indennizzo dell'infortunio occorso al lavoratore nel tragitto casa-lavoro.

La sentenza n. 19937 del 21/09/2010 stabilisce che la scelta del percorso è rilevante ai fini del risarcimento: nulla è dovuto se il luogo del sinistro si trova "fuori rotta" rispetto all'itinerario più breve che il lavoratore avrebbe dovuto seguire per andare al lavoro. Di diverso avviso la decisione n. 20221 del 24/09/2010 , con la quale la Suprema Corte riconosce il risarcimento dell'infortunio in itinere anche se il percorso prescelto non è il più breve bensì il più "comodo e conveniente". La Cassazione ha motivato tale decisione spiegando che per rischio elettivo - che esclude la c.d. "occasione di lavoro" - si intende "una condotta personalissima del lavoratore, avulsa dall'esercizio della prestazione lavorativa o ad essa riconducibile, esercitata ed intrapresa volontariamente in base a ragioni e a motivazioni dei tutto personali, al di fuori dell'attività lavorativa, idonea ad interrompere il nesso tra prestazione ed attività assicurata".